Seleziona una pagina

Il giorno 13 dicembre 2011 la Commissione di Controllo Garanzia e Trasparenza di Roma Capitale si doveva esprimere sulla legittimità dell’assegnazione all’Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze del Casale di via Grotta Perfetta 610 e sulla sua provvisoria assegnazione alle Associazioni Mato Grosso e Garbatella Sport e Natura. La Commissione non si è riunita a causa di un’inattesa, contemporanea convocazione del Consiglio Comunale. Il Coordinamento Casale Grotta Perfetta, che ha intrapreso da mesi una battaglia per la legalità e la trasparenza con il sostegno di un intero quartiere, constata, a questo punto, che la Commissione non potrà esprimersi prima del mese di Gennaio 2012. Nel frattempo prosegue – caparbiamente – la sua campagna di protesta e di denuncia.

Fortunatamente da Massimiliano Valeriani presidente della commissione Trasparenza, Alberto Attanasio vice presidente XI Municipio e Carla Di Veroli assessore politiche culturali-giovanili e pari opportunità del Municipio XI sono state già avanzate forti riserve sull’assegnazione compiuta dal Sindaco, alle quali si affianca da sempre il lavoro del Presidente del Municipio XI, Andrea Catarci che rimarca tale opposizione con la seguente dichiarazione.

“Quella del Casale di Via di Grottaperfetta è una brutta storia, fatta di arroganza e sperpero di denaro pubblico. Due i principali protagonisti, ovviamente in negativo: il Sindaco Alemanno e l’Assessore comunale alla Scuola De Palo. Il primo, con l’ordinanza 82/2009, cambia la destinazione d’uso ad attività ricreative di quartiere per insediare uffici centrali, poi lascia per mesi chiusi ed inutilizzati l’edificio e il giardino. Il secondo, completando la sottrazione del bene al territorio e aggiungendo un ulteriore danno, nomina due associazioni a custodia del bene, remunerandole con 20.000 euro ciascuna, per poi prevedere da aprile 2012 una Comunità giovanile che costerà alle casse capitoline 135.000 euro per 21 mesi. Perché si è cambiata la destinazione d’uso originaria? Perché per la custodia si sono scelte quelle due realtà associative, di cui una fin dal nome di un altro quartiere (Garbatella Sport e Natura) ed un’altra (Mato Grosso) impegnata solo in piccoli appalti di servizio con l’Ente municipale? Perché oltre ad affidar loro un bene prezioso si è scelto anche di pagarle, quando il Comitato civico e le altre realtà territoriali avrebbero mantenuto e animato gratuitamente il Casale? Perché si spendono 135.000 euro per un centro giovanile quando a soli 300 metri c’è una struttura analoga (Tetris – ndr), pubblica ed aperta da anni?
Visto che la seconda riunione della Commissione Controllo e Garanzia di Roma Capitale sul tema è stata rinviata, Sindaco e Assessore hanno un po’ di tempo per inventarsi adeguate spiegazioni. Sappiano che nel quartiere cresce l’indignazione e che dopo firme e striscioni ci saranno altre manifestazioni a ricordare che la decenza è stata superata ed a denunciare ulteriori anomalie che si verificano dentro e fuori il Casale.”

Il Coordinamento sottoscrive le parole degli esponenti delle istituzioni, ma aggiunge che nel casale sembra si voglia giocare una partita politica che trascura le reali esigenze dei cittadini. L’associazione Garbatella Sport e Natura, con l’intento evidente di contrastare la campagna informativa del nostro Coordinamento, ha tappezzato il quartiere di Roma 70 con manifesti del gruppo Giovanile di Alleanza Nazionale, Giovane Italia Nucleo Garbatella. Ora, mentre nessuno contesta il diritto di chiunque a palesare il proprio orientamento politico – magari senza copiare il volatino del ns. Coordinamento o senza imitarne lo slogan – non vorremmo che si nascondesse una sede d’attività politica dietro un centro giovanile apolitico, perdipiù se finanziato con i soldi dei contribuenti.

Quella che si va proponendo non vuole essere, quindi, una battaglia ideologica tra due opposte fazioni politiche, bensì una messa in guardia dal fare politica con i soldi pubblici, senza riguardo per chi è nato e vive nel quartiere, da anni lo anima con attività sociali e culturali e reclama spazi d’incontro.

Alla luce di questi eventi il Coordinamento Casale Grotta Perfetta dà appuntamento alla cittadinanza il giorno 21 dicembre 2011 alle ore 19:00 nel parcheggio antistante il Centro di Aggregazione Giovanile Tetris (via di Grotta Perfetta 607/b) per un dibattito pubblico sulla questione e per organizzare pubblicamente e in modo democratico le prossime iniziative.

Coordinamento Casale Grotta Perfetta

Soggetti promotori:
Comitato TorCarbone-Fotografia
C.O.R.E
Libera Presidio XI
Aps Nessun dorma
Adesioni:
Csoa La Strada
Aps Mompracem
Casetta Rossa Spa
Lab.bio

Per info e adesioni: coordinamentocasale@gmail.com e www.iltuocasale.blogspot.com